the newmediologo

2 novembre 2009

13 settembre 2008

22 maggio 2008

Con FastMac ricarica le batterie del MacBook senza MacBook

Filed under: Apple,Mobile,Professional,Tecnologia — newmediologo @ 19:27
Tags: , , , ,

il FastMac U-Charge è un caricabatterie universale per le batterie dei notebook Apple. La sua particolarità è quella di ricaricare le batterie fuori dal vostro MacBook. I questo modo si possono avere contemporaneamente più batterie cariche e non restare a secco magari nel bel mezzo di un BarCamp.

FastMac Caricabatterie universale esterno per batterie notebook Apple

FastMac a 10.8 Volts supporta i seguenti notebooks Apple:

Powerbook G3 Pismo, iBook G3/G4 12″, PowerBook G4 Aluminium 12″/15″/17″, MacBook White/Black, MacBook Pro 15″/17″

Powerbook G3 Pismo, iBook G3/G4 12, PowerBook G4 Aluminium, MacBook White/Black, MacBook Pro

FastMac è disponibile in Bianco o in Nero a seconda del colore del vostro notebook Apple. e costa circa $ 70, molto conveniente con il cambio attuale.

18 maggio 2008

Mac, le ragioni di una scelta

Alcune considerazioni apparentemente banali per esprimere la mia consapevolezza di aver fatto bene a passare a Mac.

Circa un anno fa entrava a casa mia il mio primo Apple Macintosh e nello specifico era un Mac Mini Power PC usato, il primo passo verso il mondo Apple compiuto con grande soddisfazione..

Mac Mini, il mio primo Mac

Dopo qualche problema per cambiare la RAM e portarla ad 1 Gb visto che quella da 256 MB in dotazione era assolutamente insufficente e anche se per fare questo ho dovuto documentarmi su come aprire l’oggetto con una spatola per non rovinarlo, io ed il Mac Mini abbiamo subito fatto amicizia. (more…)

22 maggio 2006

Steve Jobs – la Mela in testa

Filed under: Apple,Biografie — newmediologo @ 11:38
Tags: , , , , , ,

la Mela Logo della Aplle Computers e dei fantastici MacIntosh..

Se esiste un uomo che ha fatto la Storia dell’Informatica Moderna in POSITIVO, questi è Steve Jobs, il fondatore della Apple e Creatore del MacIntosh..

La sua filosofia è sempre stata quella di “democratizzare” il Computer per renderlo accessibile a tutti e consentire agli utilizzatori di esprime la loro creatività ed espletare il loro lavoro senza avere la necessità di sapere cosa avvenisse dentro la “scatola”.. Prima c’erano i “calcolatori” ostici e criptici, maneggiati da gente con la testa d’uovo che viveva in proprio mondo a fosfori verdi e che, in genere, aveva pochissimo senso dell’umorismo e zero spirito creativo.. Poi venne il Mac, un computer allegro e simpatico, dotato di una sua personalità e di una interfaccia amichevole con una spiccata capacità di dialogo con l’utente, capace di perdonare gli errori e di dare suggerimenti.. Il Mac divenne così un mito della Beat Generation, il primo Computer con una prospettiva totalmente differente da quella in cui queste macchine erano state viste fino ad allora da cui uno dei motti Apple “Think Different”.. (more…)