the newmediologo

11 maggio 2008

V for Vendetta un film che fa tanto tristemente pensare all’Italia

Filed under: Libri e Film — newmediologo @ 10:13
Tags: , , , ,

V for Vendetta

ATTENZIONE SPOILER – di seguito vengono forniti elementi relativi alla trama ed al finale del Film, ove si desiderasse vederlo NON continuare a leggere.

Raramente un film mi ha emozionato in questa maniera..

Nel fosco scenario di una Inghilterra totalitaria e piegata alle logiche del potere, un uomo misterioso che indossa la maschera del cospiratore cattolico del 1600 Guy Fawkes che cerca di far risvegliare le coscienze di una popolazione rassegnata ad essere manipolata, controllata, defraudata di qualsiasi diritto in nome di una presunta “pace e sicurezza”..


Il Governo ha preso il potere in seguito al caos creatosi dopo dei devastanti attentati biologici che hanno provocato decine di migliaia di morti ed instillato la paura nel popolo fino a portarlo a consegnare il potere al partito totalitario dei NorseFire di chiara ispirazione e simbologia nazifascista guidato da Adam Sutler per il quale viene appositamente creata la carica di “Alto Cancelliere”

Il popolo inglese è piegato, spezzato, umiliato dalla perdita di qualsiasi diritto e tenuto solo alla più totale ed inncodizionata acquiescenza verso il partito e verso il Governo che lo controlla con ogni mezzo, che impone il coprifuoco, che ha trasformato la televisione in una farsa di falsità ed Internet ad una rete chiusa chiamata InterLink..


..”noi siamo la BTN (British Television Network) il nostro compito è riferire le notizie, non fabbricarle, quello è compito del Governo..”

V riesce con azioni clamorose e spettacolari quali la distruzione dell’Old Bailey (il Tribunale Penale di Londra) a svegliare le coscienze assopite del popolo inglese, ad instillare il dubbio persino nei rappresentanti della legge spiegando con lucidità in quale maniera questo potere assoluto era stato conseguito..

La orribile realtà è che la campagna di orribili attentati biologici perpetrati contro una scuola elementare, un acquedotto ed una stazione della Metropolitana non erano opera di estremisti religiosi ma opera del Governo stesso che intendeva provocare e legittimare in questa maniera la svolta autoritaria che avrebbe consegnato il potere assoluto al partito NorseFire..

La Vendetta di V si compie anche contro i responsabili delle atrocità perpetrate contro i detenuti del Campo di Prigionia di LarkHill, utilizzati come cavie per esperimenti biologici che avrebbero portato poi all’isolamento dell’agente virale usato per compiere le stragi..

Ma questo non basta, occorre ridare dignità al popolo e fare in modo che possa di nuovo prendere in mano il proprio destino liberandosi dall’oppressione e per questo V il 5 Novembre del 2020 irrompe nella stazione televisiva della BTN costringendo i tecnici a trasmettere un discorso che invita la popolazione a ribellarsi in massa ad un anno esatto di distanza ed a far saltare in aria il Parlamento di Westmister proprio come tentò di fare Guy Fawkes nel 1606..

..”un palazzo non è che un simbolo e sono gli uomini che danno valore ai simboli..”

Il monologo di V alla televisione è un pezzo indimenticabile di grandissimo cinema..

.. “ma ancora una volta, a dire la verità, se cercate il colpevole non c’è che da guardarsi allo specchio..”

..”l’equità, la giustizia, la libertà sono più che parole, sono prospettive..”

..”non sono i popoli che debbono aver paura dei governi ma i governi che debbono aver paura dei popoli..”

Perchè fa pensare all’Italia

Mentre alcuni hanno voluto associare le verità che si dipanano nel corso del film alle teorie complottistiche sull’11 Settembre, in Italia ritorna in mente la stagione delle stragi senza nome, della strategia della tensione e di come questo paese abbia perso completamente la sua coscienza civile e si sia rassegnato ad essere governato da personaggi che tutto hanno a cuore fuorchè il benessere e la dignità del popolo..

V ha la capacità di riportare il desiderio di vita nel cuore degli inglesi sottolineando che la misura è colma e che solo il popolo può decidere di se stesso..

La ritrovata unità del popolo che marcia compatto ed in silenzio sotto le maschere di Guy Fawkes fa capire a chi detiene il potere che le guerre possono essere vinte solo contro gli eserciti ma mai contro il proprio popolo ed anche qui le citazioni e le simbologie sono fortissime..

..”ci chiamiamo tutti Spartaco..”

..”siamo tutti Luther Blisset..”

Il popolo è l’anima indomabile di una nazione se è unito mentre è solo marmaglia se è diviso…

..”divide et impera” dicevano i Romani che la sapevano lunga in fatto di oppressione..

Questo film è davvero stupefacente nel dipanarsi della storia fino al catartico finale in cui emergono da sotto le maschere anche tutte le persone che avevano pagato con la vita la loro diversità o la loro voglia di libertà..

La straordinaria prova di attore di Gabriele Lavia che doppia V nella edizione italiana regala momenti di altissima recitazione e da al personaggio uno spessore che rende appieno la drammaticità del ruolo..

Evey Hammond magnificamente interpretata dalla ex bambina prodigio Natalie Portman ha il suo momento più alto nel trovare il coraggio prima di affrontare la morte e poi di compiere sino in fondo il progetto di V..

..”allora preferisco morire dietro al deposito dei prodotti chimici..”

..”questo paese ha bisogno di più che un palazzo.. Ha bisogno di speranza..”

Questo film è un pugno nello stomaco per un paese come l’Italia dove tutto è andato oramai perduto, persino l’identità nazionale o individuale, un paese dove i mafiosi diventano eroi ed i ladri ministri, dove la menzogna e suburnazione hanno sostituito il dialogo ed il confronto e dove l’odio, la paura e la paranoia vengono alimentati a dismisura pur di conseguire il potere a scopo personale mentre il paese precipita..

La visione del film e la storia dovrebbero far riflettere molti visto che è estremamente attinente alla attuale realtà italiana dove la manipolazione dell’informazione, completamente asservita all’interesse di pochi, il controllo e la censura sono diventati la regola ed i cittadini sono stati persuasi ed indottrinati a che non esista altra via possibile..

Putroppo in Italia non ci sarà mai un popolo che prenda coscienza di tutto questo perchè chi lo manipola riesce sempre, favorito dalla costante opera di disinformazione dei media ad addossare ad altri la colpa di una situazione che sta diventando senza uscita, si riesce solo ad alimentare odi e diffidenze, prevaricazioni ed invidie senza che nessuno mai si assuma nemmeno la più piccola responsabilità..

Il problema è che in Italia un popolo non c’è mai stato se non in alcuni momenti davvero tragici mentre oggi la massima unione di questo presunto popolo viene raggiunto nell’esultanza per undici azzurri o una macchina rossa finchè non ci toglieranno anche questo..

Questo film è il ritratto brutale ed impietoso di un paese che potrebbe essere questo ma è anche la storia di un riscatto o di un guizzo di orgoglio che qui non ci sarà mai..

Quest’opera geniale nata da un fumetto è quanto di più tragico si potesse dire di una democrazia in agonia come questa che prima era solo formale e non sostanziale ma almeno non aveva censori mentre oggi lo scenario è davvero cupo ed in nome della “privacy” si possono nascondere anche i vizi più orrendi..

Questo non riguarda solo l’Italia ma in Italia è come acido gettato sulla pelle, è come i cappucci neri che inghiottono le persone riducendole al silenzio mentre gli intrallazzatori, i criminali, i mafiosi, i massoni vanno ad occupare le alte cariche promettendoci “pace e sicurezza” mentre i lavoratori muoiono perchè nessuno fa rispettare le leggi e mentre si lavora senza essere pagati perchè non c’è nessun tipo di tutela per nessuno che non faccia parte di una certa casta..

..”perchè la verità è che c’è qualcosa di terribilmente marcio in questo paese…”

V for VENDETTA

PER ACQUISTARE IL DVD Cliccate sulla Immagine

DVD - V for vendetta in vendita su Internet Bookshop.it

Advertisements

1 commento »

  1. Sono totalmente d’accordo con l’analogia della trama di V per vendetta e l’attuale situazione in Italia. Infatti me ne sono andato a vivere in Spagna con mia moglie. Da dove mi trovo ora vedo la società italiana scivolare sempre di più verso una povertà culturale e sociale angosciante e distopica.

    Commento di Mauro Ghia — 25 luglio 2008 @ 05:15 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...